mercoledì 22 novembre 2017

Il macellaio dei Balcani condannato per genocidio

Ratko Mladic, capo militare serbo bosniaco durante la guerra del 1992-1995, è stato condannato mercoledì per genocidio e crimini contro l'umanità. Il tribunale per la ex Jugoslavia ha inflitto la pena dell'ergastolo.


Più di 20 anni dopo la fine dei combattimenti, il 22 novembre segna una decisione criminale fondamentale sul conflitto nell'ex Jugoslavia. il Tribunale penale internazionale per l'ex Jugoslavia (ICTY) dell'Aia ha condannato Ratko Mladic all'ergastolo.

Il 74enne ex leader militare serbo è stato processato per genocidio e crimini contro l'umanità, in particolare  per il suo ruolo nel massacro di 8.000 uomini e ragazzi musulmani nel luglio 1995 a Srebrenica e nell'assedio di  Sarajevo.

L'ex ufficiale è stato evacuato dall'aula prima che il verdetto fosse letto dopo aver gridato: "Siete tutti bugiardi!" ai magistrati.

Il processo a Ratko Mladic è iniziato nel 2011 dopo il suo arresto in Serbia. Durante il suo processo, l'ex leader militare non ha mai ammesso un'oncia di colpevolezza, sebbene abbia detto di essere "dispiaciuto per ogni innocente ucciso in ogni campo, in ogni comunità etnica del mondo. Jugoslavia. "

Questo è l'ultimo verdetto emesso dall'International Criminal Tribunal for the former Yugoslavia, l'organo giudiziario delle Nazioni Unite creato nel 1993. Scomparirà il 31 dicembre dopo aver incriminato 161 persone per crimini di guerra commessi nei Balcani.



Notizia AFP

Nessun commento:

Posta un commento