mercoledì 13 novembre 2019

ATTACCO A GAZA CITY - Le maschere di una tragedia senza fine



Il nuovo attacco israeliano sulla striscia di Gaza, ordinato dal primo ministro Netanyahu, mirato a colpire un comandante della Jihad islamica, riaccende il conflitto israeliano-palestinese. 


Sempre di più ormai la guerra, che poi si concentra sulla striscia di Gaza, sembra il risultato dei posizionamenti politici di quelle che sembrano maschere di una tragedia senza fine, di cui a farne le spese è il popolo palestinese martoriato.

C’è la maschera del primo ministro, in difficoltà nel proprio paese, per gli scandali di corruzione che hanno travolto lui e la sua famiglia. La sua forza politica alle ultime elezioni è stata così indebolita che deve dividere il potere con avversari, contendenti, falchi… E’ chiaro che la guerra con i palestinesi è per lui uno strumento di posizionamento politico.

Poi ci sono le due fazioni islamiche palestinesi… La jihad oltranzista che vuole la guerra a tutti i costi a prescindere dai fatti di questi giorni. Hamas invece disinteressato alle sorti della fazione concorrente, sta a guardare.

Vi è l’Autorità Autonoma palestinese, cioè il governo fantoccio del presidente Abu Mazen, che non si capisce proprio cosa ci stia a fare.


Infine vi è al-Sisi, il dittatore militare egiziano, che creca di pacificare le due parti, il che di per sé è un ossimoro, data la situazione in Egitto, ma alla fine va sempre contro i palestinesi, per interesse di parte…



Attacchi israeliani: tutti gli ultimi aggiornamenti

Almeno 12 palestinesi, tra cui il comandante della Jihad islamica, sono stati uccisi durante i raid israeliani a Gaza, mentre le tensioni divampano.

Le forze israeliane hanno  ucciso  un comandante della Jihad islamica in un raid aereo nella sua casa a Gaza City, scatenando una nuova spirale di violenza.
Poco dopo l'attacco di martedì mattina che ha ucciso  Bahaa Abu al-Ata e sua moglie,  sono stati lanciati razzi, da gruppi palestinesi, nella Striscia di  Gaza assediata,  in  Israele
In risposta alla raffica di razzi, dozzine di raid aerei sono stati lanciati su Gaza. Nel complesso, secondo i funzionari sanitari, 12 palestinesi sono stati uccisi nel bombardamento israeliano a Gaza,. 
Attacco missilistico a Damasco

I media statali siriani hanno riferito che un attacco missilistico ha colpito martedì la casa del funzionario della Jihad islamica Akram al-Ajouri  a Damasco, uccidendo due persone tra cui uno dei suoi figli. La Siria ha detto che Israele ha effettuato l'attacco di Damasco. Israele non ha commentato.

Mercoledì 13 novembre

Due palestinesi uccisi nel raid aereo israeliano

Ashraf al-Qidra, portavoce dell'hinistry sulla salute di Gaza, ha affermato che altri due palestinesi sono stati uccisi in un raid aereo.

Il gruppo della Jihad islamica ha detto che uno dei due uccisi era un membro del suo gruppo, identificandolo come il 38enne Khaled Faraj.

Le morti portano il bilancio complessivo di Gaza ad almeno 12 palestinesi, tra cui Abu al-Ata e sua moglie.

Le fazioni palestinesi lanciano missili contro Israele

Le fazioni palestinesi lanciarono missili contro Israele meridionale.
Sembrava che Hamas, il gruppo che governa la Striscia di Gaza, per ora stesse optando per la lotta. 

Una fonte diplomatica ha riferito alla Reuters News Agency che l'inviato delle Nazioni Unite per il Medio Oriente era in viaggio verso il Cairo, in Egitto, per iniziare gli sforzi di mediazione. 
Gaza: il Ministero della Pubblica Istruzione sospende le lezioni 

Le università della Striscia di Gaza hanno sospeso le lezioni fino a nuovo avviso, riporta l'agenzia di stampa Maan. 

Il Ministero della Pubblica Istruzione ha anche annunciato la sospensione delle lezioni nelle scuole gestite dall'agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi in tutta l'enclave. 

I raid aerei riprendono nella Striscia di Gaza: media locali

Israele ha ripreso il bombardamento della Striscia di Gaza, secondo i resoconti dei media locali. 

Secondo l'agenzia di stampa Maan,  gli aerei da combattimento israeliani hanno preso di mira varie aree dell'enclave costiera, compreso il centro della città, nonché le terre agricole nella parte orientale della Striscia.

Martedì 12 novembre

Leader della Jihad islamica: Israele pagherà un prezzo pesante

"Netanyahu pagherà un grosso prezzo per l'assassinio di Abu al-Ata ... Le sue truppe e coloni pagheranno un duro prezzo per questi crimini", ha detto alla folla Khaled al-Batsh , un leader della Jihad islamica a Gaza.

"Oggi, diciamo alla nostra gente, l'unica opzione disponibile è quella di affrontare [questa aggressione]", ha detto in televisive.

Il portavoce di Hamas denuncia l'attacco israeliano a Gaza

Il portavoce di Hamas Hazem Qassem ha affermato che gli attacchi israeliani e l'assassinio di Abu  al-Ata sono "una continuazione dell'aggressione israeliana nei confronti del popolo palestinese".

"La nostra gente viene presa di mira dappertutto, dentro e fuori la Palestina", ha detto ad Al Jazeera in arabo da Gaza.

"L'attacco riflette le tattiche infruttuose di Israele ... Gli assassini non possono e non metteranno fine alla resistenza, e non sono sufficienti per impedire ai palestinesi di sostenere la causa".

"Dopo ogni attacco, la volontà della resistenza cresce e diventa più persistente (…) Hamas si sta coordinando con tutte le fazioni palestinesi a Gaza per rispondere ai "crimini dell'occupazione".

Il governo palestinese chiede alla comunità internazionale di intervenire

Il portavoce del governo palestinese Ibrahim Melhem, in una dichiarazione rilasciata in arabo ad Al Jazeera dalla città occupata della Cisgiordania di Ramallah: "Chiediamo alla comunità internazionale di intervenire immediatamente per fermare l'aggressione israeliana (…) Il presidente è in contatto con le parti interessate per garantire la sicurezza della nostra gente nella Striscia di Gaza".

Il sistema israeliano Iron Dome intercetta i missili

Il sistema israeliano Iron Dome ha intercettato i missili, che sono stati lanciati dalla Striscia di Gaza in risposta all'uccisione di Abu  al-Ata.

I razzi, secondo i media locali israeliani, sono stati intercettati sulla città meridionale di Ashdod.



FONTE: Al Jazeera


Gli scontri tra Israele e Gaza si intensificano dopo la morte del comandante della Jihad islamica SERVIZIO VIDEO



La Jihad islamica promette di vendicarsi dopo che Bahaa Abu al-Ata e sua moglie sono stati uccisi da un attacco aereo israeliano a Gaza City.

I gruppi palestinesi hanno lanciato una serie di missili verso Israele dopo che un attacco aereo israeliano ha ucciso un comandante della Jihad islamica a Gaza City.
Ciò ha portato a più attacchi aerei israeliani , che da allora hanno ucciso altri otto palestinesi.
Tuttavia, il Primo Ministro custode Benjamin Netanyahu ha affermato di non voler intensificare gli attacchi.

Harry Fawcett di Al Jazeera riferisce dal sud di Israele.

FONTE: Al Jazeera




Nessun commento:

Posta un commento