giovedì 27 febbraio 2020

STRAGE SIRIANA – I tre dittatori si combattono massacrando bambini e insegnati



Idlib è ormai la città simbolo del disastro siriano, che sembra non interessare più il mondo. I tre dittatori che si stanno combattendo, da un lato il presidente russo Putin insieme al presidente siriano Assad, dall’altro il presidente turco Erdogan, nel momento in cui si siedono ai tavoli di negoziato si bombardano sul campo a vicenda. Anzi, sarebbe meglio dire che combattono sulla pelle dei civili, senza risparmiare  bambini e insegnati delle scuole. Intanto dalla città c’è un movimento di un milione di persone in fuga che non sanno dove dirigersi, incagliati sulla zona di confine con la Turchia.




Le forze siriane appoggiate dalla Russia uccidono più di 20 civili a Idlib

Bambini e insegnanti uccisi, dall'oggi al domani, mentre la delegazione russa si recava in visita in Turchia per discutere della situazione di Idlib.

Più di 20 civili sono stati uccisi negli attacchi del governo siriano contro obiettivi, comprese le scuole, in un incessante escalation nella provincia nordoccidentale di Idlib, l'ultimo grande territorio in Siria ancora controllato dai combattenti dell'opposizione.
Secondo il monitoraggio della guerra con sede nel Regno Unito, l'Osservatorio siriano per i diritti umani, i bombardamenti aerei del governo hanno ucciso almeno nove bambini e tre insegnanti, martedì nella città di Idlib.
Altre quattro persone, tra cui una madre e i suoi due figli, sono morte nel bombardamento governativo della città di Binnish, a nord-est della città di Idlib, ha detto il monitor.
Almeno sei bambini sono stati tra i 10 civili uccisi da un attacco aereo russo in un rifugio per famiglie sfollate a Maarat Misrin, una città a nord della città di Idlib sulla strada per il confine turco, ha detto Yahya Jaber, una soccorritrice della protezione civile.
L'Osservatorio siriano ha riferito che le forze governative hanno riconquistato 19 tra città e villaggi per un periodo di 48 ore. Tra loro c'era Kafranbel, una città simbolica che fu tra le prime a ribellarsi contro il governo del presidente Bashar al-Assad nel 2011.
La regione di Idlib ospita circa tre milioni di persone in circostanze sempre più disperate. Molti sono civili costretti a lasciare le proprie case nelle prime fasi della guerra, che ha ucciso centinaia di migliaia di persone e sfollato oltre 11 milioni.
Martedì, Save the Children ha chiesto che alle scuole venga risparmiato l'assalto.
"Le scuole devono essere paradisi sicuri per i bambini, anche in una zona di conflitto", ha detto la direttrice Sonia Khush.
"Gli attacchi di oggi sono un altro segno del fatto che i combattimenti nel nord-ovest della Siria hanno raggiunto livelli catastrofici di violenza contro bambini e civili ... In nessun posto è sicuro, nemmeno la scuola."

FONTE: Al Jazeera




La Turchia promette di respingere le forze siriane da Idlib


Il presidente Erdogan afferma che Ankara "non farà nessun piccolo passo indietro a Idlib" contro le forze siriane.

La Turchia prevede di allontanare le forze del governo siriano dai suoi posti di osservazione militare nella regione di Idlib, nel nord-ovest della Siria, entro la fine di febbraio, ha  affermato il presidente Recep Tayyip Erdogan , nonostante i progressi dei militari appoggiati dalla Russia. 
"Stiamo programmando di liberare i nostri posti di osservazione dalle forze del governo siriano entro la fine di questo mese, in un modo o nell'altro", ha detto Erdogan ai parlamentari del suo partito in un discorso mercoledì.
La Russia controlla lo spazio aereo della regione e bombarda quotidianamente ribelli sostenuti dalla Turchia a sostegno di un'offensiva di mesi da parte delle forze governative siriane  che ha ucciso centinaia di civili e sfollato quasi un milione di persone in mezzo al freddo invernale.
Combattenti siriani, sostenuti dall'esercito turco, hanno conquistato il centro di Nairab a Idlib questa settimana, secondo fonti ribelli e turche, ma le truppe del presidente siriano Bashar al-Assad continuano a fare progressi altrove nella provincia. 
FONTE: Al Jazeera





Idlib, città fantasma con centinaia di migliaia di persone in fuga


Almeno un milione sta lasciando la provincia  mentre centinaia di migliaia sono bloccati al confine con la Turchia.

Almeno un milione di persone sono in movimento nella provincia siriana di Idlib .

Incagliati sulla zona di confine con la Turchia e temendo i bombardamenti del governo siriano, gli sfollati non hanno più nessun posto dove scappare o nascondersi.

Hashem Ahelbarra di Al Jazeera riporta da Cilvegozu al confine tra Turchia e Siria.



FONTE: Al Jazeera






Nessun commento:

Posta un commento