Passa ai contenuti principali

Il Cannibale gentile s'impossessa già del Tour

 Alla 4a tappa, la Pinerolo Valloire di 139 chilometri, il campionissimo sloveno diventa il padrone della Grand Boucle, dando una dimostrazione di forza agli altri quattro campioni del ciclismo odierno presenti quest'anno, e soprattutto all'antagonista del nuovo dualismo Vinghegard, in ripresa splendida dopo il gravissimo incidente.



Quello che desta impressione nella prima fase del Tour de France del 2024 è la sicurezza con cui Tadej Pogacar si appresta alla gara, una sicurezza espressa con il sorriso sempre attaccato, lo stesso, però, che avevav anche quando perdeva. Ma questa sicurezza, quella di quest'anno diciamo sembra qualcosa di mistico, perché sul Galabier ha messo in fila senza batter ciglio tutti i campioni odierni: Roglic, Evanepol, Vander Pool, Van Aert e Vinghegard. Stiamo parlando dei fuoriclasse della strada, non degli atleti di media grandezza come le presenze al Giro. Nessuno sembrava potergli stare dietro, e così è: nessuno può stargli dietro.

Nella tappa mitica del Galabier, il Cannibale gentile, fa onore alla storia con la sua solita impresa, realizzata quasi in surplase. Con una squadra in forma di corazzata, dopo aver controllato la gara, durante la fuga di giornata, prima con un paio dei suoi fa il primo vuoto. 

Gli vengono dietro Roglic, Evenepol e Vinghegard. Ad una ventina dall'arrivo seconda progressione mentre la strada s'impenna, resiste solo Vinghegard, ma per poco. 

Fuga solitaria. Sempre composto, sempre sui pedali, sembra volare Tadej, quando prende la discesa, con quello stile impeccabile. E chilometro dopo chilometro, prende secondi al gruppetto degli aspiranti competitor, uniti all'inseguimento. Alla fine il distacco sarà di 35 secondi. La maglia gialla è sua, e solo gli dei gliela possono togliere.

Nelle tappe immediatamente successive, fatte per i velocisti, in attesa della cronometro, Pogacar, con la sua squadra si è limitato a controllare, arretrando sulle volate, come quella ad esempio vinta da  Kavendish, la sua 35 tappa al Tour, superando il primo Cannibale della stoia, Eddy Merckx. 





Commenti

Post popolari in questo blog

GIRO. Pogacar, il Cannibale gentile

  Nella giornata finale del Giro d'Italia 107, a Roma, sfila la carovana in una giornata di festa per una passione collettiva ritrovata verso quel ciclismo che oltrepassa i significati sportivi... La foto di Pogacar che regala la borraccia ad un ragazzino è il ritratto di questo Giro, che racconta da un lato la storia antica del ciclismo, perché il tuo idolo non lo vedi a centinaia di metri di distanza, in uno stadio o in un palazzo dello sport, ma lo puoi ammirare  a pochi centimetri da te , mentre compie il gesto atletico: "E vai che io sto qui che aspetto Bartali, scalpitando sui miei sandali, da quella curva spunterà quel naso triste da italiano allegro..." Cantava Paolo Conte. Poi c'è l'aspetto caratterizzante di questo Giro, cioè la straordinaria forza, potenza e gentilezza di Tadej Pogacar, Campionissimo di sport e di umanità, in un momento storico in cui di umanità se ne respira ben poca... La stessa storia di sport "E' una corsa che non conosco

GIRO. 7a tappa Foligno-Perugia: il cannibale si mangia la corsa

La prima grande impresa di questa edizione del Giro d'Italia è andata in scena oggi, alla cronoscalata individuale, con la vittoria strepitosa di Pogacar. Nessuno se l'aspettava, tra i commentatori, che proprio oggi il fuoriclasse sloveno avrebbe iniziato ad ipotecare la vittoria in rosa. La cronometro di 60 chilometri Foligno-Perugia, non ha avuto storia, anche se il risultato di Filippo Ganna, 51:61, fino a che Pogacar non arrivava all'imbocco della salita, sembrava imprendibile. Persino lo specialista Thomas, penultimo a partire, si perdeva in una prova opaca. Poi, la salita ha fatto uscire il cannibale all'arrembaggio, fino ad arrivare a recuperare a Ganna 1 minuto e mezzo in 6 chilometri. Uno stile perfetto in bicicletta, come quello dei grandi passisti scalatori, alla Bernard Hinault: mai sui pedali, ma sempre in sella inerpicandosi in progressioni da extraterrestre: "Voglio stare comodo in bicicletta", dichiarava lo sloveno subito dopo la gara, spiegand

GIRO. 3a tappa Novara - Fossano: il primo sprint

Tappa di trasferimento per velocisti, e persino nello sprint il Cannibale tenta l'allungo. Una fuga di una decina di corridori caratterizza la tappa.  La maglia rosa controlla agilmente la corsa, con un distacco massimo di una trentina di secondi. A 43 chilometri circa il gruppo si ricongiunge, dopo un allungo di un altro gruppo di una quindicina, con la maglia ciclamino che guida.  Pogacar è così sicuro di sé che proprio a ridosso del finale tenta persino un allungo per lo sprint, che però viene vinto da Tim Merlier, della Quick-Step. CLASSIFICA: Pogacar sempre in rosa a 46 secondi da Thomas.